Pasqua di Risurrezione del Signore

Ricordiamo gli orari delle Sante Messe per la Pasqua di risurrezione del Signore:
SABATO 15 APRILE:ore 21:00. DOMENICA 16 APRILE: 7:30, 9:0010.1511.3018:30.

«Raccontaci, Maria: che hai visto sulla via?».
«La tomba del Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni, il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto; e vi precede in Galilea».
(dalla sequenza pasquale)

Sì, ne siamo certi: Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso, portaci la tua salvezza.

Pasqua: “RISORGERE”
Giovanni, il discepolo amato si apre alla fede tanto da far dire all’evangelista: «vide e credette»! Anche se è solo una fede germinale che ancora non comprende e non rilegge tutto alla luce delle Scritture. Lo sguardo di fede del discepolo amato nasce dal suo aver chinato il capo sul petto di Gesù, l’aver sentito battere il suo cuore, l’aver condiviso con lui una intimità profonda. Egli crede, non perché ha visto cose straordinarie, ma perché glielo dice il cuore. L’amore non si ferma nemmeno davanti alla morte, perché è più forte della morte. L’amato non ha bisogno di prove, di capire. Lui comprende: Gesù è vivo. Così è per noi. Occorre entrare il confidenza con Gesù, costruire un rapporto intimo e profondo d’amore con Lui per poterlo riconoscere risorto, vivo e presente nella nostra vita. Così non temeremo più la morte e vivremo nella speranza che non ha fine.

Dalla liturgia della domenica di Pasqua
O Padre, che in questo giorno, per mezzo del tuo unico
Figlio, hai vinto la morte e ci hai aperto il passaggio alla vita
eterna, concedi a noi, che celebriamo la Pasqua di
risurrezione, di essere rinnovati nel tuo Spirito,
per rinascere nella luce del Signore risorto.
Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
E’ lui il vero Agnello che ha tolto i peccati dal mondo,
è lui che morendo ha distrutto la morte
e risorgendo ha ridato a noi la vita
Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente, con
l’inesauribile forza del tuo amore, perché, rinnovata dai
sacramenti pasquali, giunga alla gloria della risurrezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *